mercoledì, Dicembre 1, 2021
HomeNotizieArte e digitale: la Madonna di Foligno in 3D, così Museater reinterpreta...

Arte e digitale: la Madonna di Foligno in 3D, così Museater reinterpreta l’opera di Raffaello

Vedere la realizzazione pratica dei progetti è sempre emozionante: sono idee che prendono forma, per arrivare ad essere fruite da un pubblico di persone di ogni età e provenienza. Vi mostriamo le immagini di un bellissimo esperimento di Museater realizzato dai nostri partner di CRHACK LAB FOLIGNO 4D: l’apparizione in 3D della Madonna di Foligno, ovvero un’immersione totale nella dimensione digitale che unisce innovazione e valorizzazione dei Beni Culturali!

La Madonna di Foligno è un’opera d’arte realizzata da Raffaello nel 1512, oggi custodita nei Musei Vaticani a Roma. La sua copia più antica e storicamente rilevante si trova in Umbria, nel Museo Capitolare Diocesano di Foligno e Cripta di San Feliciano: spesso il dipinto lascia le sale del Museo per mostre ed eventi, allora come colmare il vuoto di un’assenza così “presente”, di un’opera diventata simbolo della città umbra? Ci ha pensato CRHACK LAB FOLIGNO 4D, giovane associazione italiana no profit nata per cambiare la cultura del digitale utilizzando l’Arte del Crowdreaming, la stessa alla base della nostra Metodologia DREAM, progetto a cui Stati Generali dell’Innovazione sta lavorando in sinergia con Crhack Lab Foligno.

CRHACK LAB FOLIGNO 4D ha organizzato al Museo Capitolare Diocesano di Foligno e Cripta di San Feliciano l’apparizione in 3D della Madonna di Foligno, tutti i dettagli della protagonista dell’opera sono stati curati e ricreati in versione digitale, dalla sua postura alle rifiniture dell’abito. Un evento che ha attirato l’interesse e la curiosità da parte di un pubblico molto numeroso e attento.
Le attività del progetto DREAM si ispirano alla stessa metodologia: “L’obiettivo principale è quello di creare opere digitali che coinvolgano il visitatore, rendendolo parte attiva della mostra attraverso l’uso delle nuove tecnologie”, spiega Paolo Russo, di Stati Generali dell’Innovazione, coordinatore e ideatore del progetto DREAM.

RELATED ARTICLES

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Most Popular

Recent Comments