Condividiamo l’articolo “Sanità, Immuni testa d’ariete per la svolta digitale italiana?”, scritto dal Presidente di Stati Generali dell’Innovazione Fulvio Ananasso per il Corriere delle Comunicazioni.
Dopo i primi tre contributi sul tema – “Come identificare soluzioni tecnologiche di contrasto al Covid-19“, “Apple-Google e “contact tracing”: e la sovranità (digitale) Europea?” e “Immuni, Apple-Google e questioni aperte” -, in questo articolo l’autore cerca di fare il punto sull’utilizzo dell’app Immuni.
“La quantità di download della app resta ancora limitata rispetto al potenziale – spiega Ananasso – ma le motivazioni risiedono anche (soprattutto) nella mancanza di un protocollo sanitario chiaro e condiviso che incontri la fiducia e la collaborazione delle persone. E’ tempo di mettere a punto un piano nazionale di e-health”.


Articolo precedenteWorkshop “Impara l’Arte del Crowddreaming” nell’ambito di ALL DIGITAL Summit 2020
Articolo successivoSmart working e sviluppo sostenibile dei territori: quali opportunità? Tavola rotonda al Polo Universitario di Asti