Progetto Roma Smart City: mettere a sistema la partecipazione

1426

Il 23 novembre si è tenuto alla Città dell’Altra Economia, a Roma, la tappa della road map  promossa dal progetto “Roma Smart City” dedicata alla città partecipata e collaborativa – ospitata da Piattaforma Testaccio, una delle principali esperienze di quartiere sulla partecipazione http://piattaformatestaccio.blogspot.it/.

Interessantissimo e ricco l’incontro-open talk “Dare Forma alla partecipazione”, condotto da Carlo Infante (Urban Experience- componente direttivo SGI),  (che ha anche guidato, al termine dell’incontro, un walk-show, brainstorming viandante tra le strade di Testaccio) grazie ai tanti partecipanti e ai numerosi interventi, tra cui ricordiamo quelli diNello Iacono (Vicepresidente Associazione SGI), Francesco Pazienti (Piattaforma Testaccio),   Alessandra Valastro (Università Perugia), Marco Fratoddi (Nuova Ecologia- componente direttivo SGI), Anna Maria Bianchi (Carte In Regola), Felice Zingarelli (Associazione Partito Pirata per le libertà digitali), Michele Missikoff (CNR- componente direttivo SGI),   Livia Stampa (Comitato via Volta),Paolo Trevisani (Testaccio in piazza), Francesco Bianchi e Lucia Martincigh (docenti Università Roma Tre) e i loro studenti del Master sulla Progettazione Ecosostenibile, dai lavori davvero notevoli, Alessio Barollo (esperto crowdfunding), Stefano Panunzi (con un intervento dalla manifestazione di Corviale Domani, che era in svolgimento a Corviale), Andrea Valeri (assessore alla cultura I Municipio) che ha presentato il lavoro realizzato con Salvatore Iaconesi e Oriana Persico, Sabrina Alfonsi (presidente I Municipio), Paolo Masini (assessore comunale allo Sviluppo delle Periferie, Infrastrutture e Manutenzione Urbana), Imma Battaglia, presidente della Commissione comunale  Smart City.

Qui (nella sezione “commenti”) alcuni materiali della giornata (slide, foto, video).

Lo storify dell’Open Talk

Gli interventi hanno evidenziato come la partecipazione attiva dei cittadini sia fondamentale per lo sviluppo di un’idea di città concretamente orientata al miglioramento della qualità della vita e come sia essenziale la  “messa a sistema della partecipazione“, con la riscrittura del regolamento della partecipazione capitolino (oggi poco applicato e applicabile e limitato alle trasformazioni urbanistiche) e con il contributo delle tre componenti chiave (cittadini e imprese, università e ricerca, amministrazioni-istituzioni). La partecipazione deve essere infatti intesa non solo in relazione ai processi decisionali e al monitoraggio conseguente ma anche allo sviluppo di iniziative per il territorio, incluse la cura di aree a rischio e la messa in atto di strumenti di crowdfunding civico. In questo contesto le azioni avviate dal Primo Municipio sono testimonianza di quanto la partecipazione diventi centrale per il governo del territorio.

L’incontro si è concluso con la convinzione condivisa che questa tappa del percorso nei quartieri e nei temi della “Roma SMART” ha già avuto un primo risultato di “connessione”, e ha creato le condizioni per costruire intorno alla partecipazione iniziative che incideranno nel concreto. Supportando, ad esempio, la definizione del regolamento della partecipazione in via di realizzazione nel Primo Municipio.

Il percorso-evento del progetto Roma Smart City

Il percorso-evento di confronto-azione, che  si propone di supportare così l’avvio delle iniziative che   compongono l’Agenda per “Roma SMART , è stato presentato il 21 settembre durante la manifestazione Festambiente – Mondi Possibilie si articolerà nel territorio romano, nel corso dei prossimi mesi, su più tappe, toccando alcune delle realtà più significative per l’attuazione dell’Agenda Roma SMART. Ciascuna tappa (a parte la tappa conclusiva, che si occuperà anche del tema strategico dell’intera Agenda e della proposta di piano), sarà focalizzata su uno dei quattro assi identificati nell’Agenda e si svolgerà nei luoghi più emblematici per passare dal confronto all’azione e per discutere delle esperienze in corso.

In particolare,  dopo la tappa del 23 novembre dedicata alla città partecipata e collaborativa, sono previste tappe successive dedicate alla città connettiva e creativa (gennaio -da confermare)– ospitata da Millepiani- per rilanciare le esperienze di coworking (http://www.millepiani.eu/millepiani-team/), alla città sostenibile e resiliente  (marzo- da confermare), alla città open e trasparente, una strategia per Roma Smart City (maggio-da confermare).

La tappa conclusiva sarà quindi anche l’occasione per un confronto con il Comune di Roma per tirare le somme dei contributi, le idee e i risultati del percorso-evento verso l’attuazione dell’Agenda per Roma SMART.

Durante il percorso saranno lanciate iniziative di promozione di contributi all’Agenda per Roma SMART (es. concorsi scolastici, concorsi di idee progettuali), e sarà attivata una piattaforma di partecipazione online.

Il percorso si arricchirà nel tempo anche di appuntamenti e incontri intermedi per mettere meglio a fuoco le iniziative possibili e condividere, valorizzare, integrare  le esperienze in corso. Tutti sono invitati a fare proposte in questo senso.