Seminari, passeggiate radioguidate, talk lab a cura di Performing Media Lab e Urban Experience in collaborazione con Acmos, Stati Generali dell’Innovazione e Libera

Come tradurre l’uso del web e dei nuovi media in una pratica educativa, sociale e creativa? E’ su questa domanda che si muove questa manifestazione, trovando risposte sulla base di esperienze dirette e laboratori multimediali. Questo aspetto dell’uso sociale dei nuovi media uno dei punti chiave di associazioni come Libera e Acmos che da anni lavorano con gli adolescenti per reinventare le forme dell’impegno politico, ai margini dell’ambito scolastico, per promuovere esperienze di cittadinanza interattiva. Cercando anche di tradurre le potenzialità della comunicazione interattiva e dei social media in effettiva interazione sociale.

continua a leggere l’articolo su La Stampa.it


Articolo precedenteNewsletter di aprile 2012
Articolo successivoCambiare modello per innovare: le proposte degli Stati Generali dell’Innovazione