Editoriale

Nomine authority: quando la politica abbandona il senso di realtà

Nella newsletter di maggio (http://goo.gl/0L0mG) sottolineavamo il risultato positivo della sospensione del percorso intrapreso da Agcom per l’attuazione del regolamento. Sulla scia di quel risultato importante conseguito grazie all’impegno nostro e di altre associazioni, anche le richieste avanzate per un processo di nomina delle authority trasparente e  basato sull’osservanza stretta dei criteri di competenza, indipendenza e assenza di conflitti di interesse sembravano potersi imporre cambiando il malcostume della spartizione partitica. Non è stato così. A parte l’accoglimento da parte del presidente della Camera dei curriculum degli auto-candidati e la loro distribuzione ai parlamentari, il percorso delle nomine è stato in stretta continuità con il passato. Si è registrata però un’attenzione senz’altro più alta sia da parte dei media sia di un significativo gruppo di parlamentari.

In una situazione di dura crisi economica, complicata dal terremoto che sta colpendo una gran parte dell’Italia settentrionale, con una sfiducia sempre più alta dei cittadini nella classe politica, ci si aspettava e si auspicava dalla politica un risveglio del senso di responsabilità democratica. Invece la frattura aumenta. E il ruolo delle associazioni come la nostra diventa sempre più importante e significativo.

Intanto, a valle dell’audizione con il gruppo di lavoro “E-government e open data”  della Cabina di Regia dell’Agenda Digitale (http://goo.gl/E4dRO), abbiamo continuato il fruttuoso dialogo per la messa a punto della proposta. La data di chiusura del Decreto Digitalia nel frattempo è stata portata ad agosto, per cui anche la riflessione che pensavamo di organizzare il 5 giugno sarà effettuata intorno alla prima metà di luglio.

Maggio è stato anche il mese di ForumPA, in cui abbiamo presentato le nostre proposte per una strategia dell’innovazione, contenute nell’ebook “Metti in agenda il futuro del Paese” (http://goo.gl/SIws6) e abbiamo partecipato ad alcuni significativi approfondimenti sul tema delle smart city, nell’evento “Eco-city: ispirazioni per una città sostenibile” (http://goo.gl/ijbAw).

Il bilancio di questo mese registra anche la realizzazione del convegno “Open Government, e-democracy e cittadinanza attiva” che si è tenuto il 24 Maggio a Caserta, in collaborazione con la Seconda Università degli studi di Napoli e Forum PA e dell’incontro “Ricostruiamolaq: Città intelligenti e ricostruzione partecipata de L’Aquila” (http://goo.gl/jb68S), organizzato insieme ad Assemblea Cittadina, con la partecipazione di diverse istituzioni, le principali associazioni aquilane, la consulta degli studenti.  Qui abbiamo esposto le nostre idee per la realizzazione di un progetto di ricostruzione partecipata e con isTech abbiamo proposto una sperimentazione sul fronte ambientale, riscontrando l’interesse dell’amministrazione aquilana a proseguire il percorso così avviato. E poiché l’obiettivo non è di tenere convegni, ma di ottenere risultati concreti, non ci fermeremo qui.

Attività in corso

  • seconda riunione della Consulta Permanente dell’Innovazione, che stiamo organizzando per luglio;
  • redazione collaborativa dei lavori per il secondo eBook (abbiamo avviato la “call for participation” per la stesura della prima bozza – http://goo.gl/L5z3V);
  • organizzazione della prima Assemblea dell’Associazione, prevista per il mese di settembre, nelle Marche, e che contiamo distrutturare in modo coinvolgente e “creativo” (tra qualche settimana potremo comunicare una ipotesi compiuta);
  • preparazione delle proposte da discutere negli eventi in programma e l’utilizzo del wiki per il consolidamento e l’arricchimento dei risultati deglieventi svolti (https://www.statigeneralinnovazione.it/online/wiki).

Calendario eventi

  • Ancona, 22-23 Giugno partecipazione a ConfSL2012;
  • Livorno, 29 Giugno,  “P.A. Digitale, La tecnologia per innovare il rapporto tra Cittadini e Pubblica Amministrazione”
  • Bologna, Luglio (data in via di definizione), “Diritti digitali e dati aperti: le basi per forgiare Città e Comunità smart”, in collaborazione con la Regione Emilia Romagna;
  • Genova, 3 Luglio, incontro sull’Agenda Digitale del CTI Liguria
  • Milano, Settembre, “Open data e Open services”, in collaborazione con CEFRIEL;
  • Marche, 21-23 Settembre, Assemblea dell’Associazione (a breve la comunicazione dei dettagli per la partecipazione dei soci e dei non soci);
  • Roma, settembre-ottobre, in via di programmazione, sul tema della smart city;
  • Pisa, 4-7 Ottobre, in via di programmazione, nell’ambito del Festival Internet;
  • Roma, ottobre-novembre, in via di programmazione, sui temi del sistema educativo e dell’inclusione digitale;
  • Torino, 23-24 novembre, in collaborazione con CSI Piemonte, evento nazionale dell’associazione Stati generali dell’Innovazione.

Temi in discussione

  • Nomine Autorità: la politica dia un segnale di responsabilità democratica vai all’articolo
  • Open Media Coalition chiede il rinvio del voto per Agcom e Privacy vai all’articolo
  • Wi-Fi: una nuova tassa, e un nuovo albo – vai all’articolo
  • A Flavia Marzano il Premio Web Italia alla carrieravai all’articolo
  • Partecipa alla stesura del secondo eBook: Le 100 parole dell’innovazionevai all’articolo
  • Tre fondatori dell’Associazione Stati Generali dell’Innovazione si candidano per l’AGCOMvai all’articolo
  • Le associazioni chiedono trasparenza nelle nomine AGCOM – vai all’articolo
  • Audizione degli Stati Generali dell’Innovazione alla Cabina di Regia per l’Agenda Digitale – vai all’articolo
  • Un commento sulla prossima conferenza del PD sulla scuolavai all’articolo
  • Le proposte dell’ebook “Metti in agenda il futuro del Paese” nell’ideario dell’Agenda Digitale Italiana – vai all’articolo

Parlano di noi


Articolo precedenteSoftware libero, la PA risparmierebbe 675 milioni. Ma l’osservatorio è senza risorse
Articolo successivoStatistiche della newsletter di giugno 2012