martedì, Maggio 17, 2022
HomeNotizieIn EvidenzaL’Istituto Dati Aperti sprona il Governo: “Chiedi a Google, Apple e Uber...

L’Istituto Dati Aperti sprona il Governo: “Chiedi a Google, Apple e Uber di condividere i dati delle mappe”

Con piacere, ospitiamo il post del nostro vice presidente Sergio Farruggia che invita ad una riflessione sulla disponibilità di dati geospaziali aperti (geospatial open data) e lo sviluppo di nuove tecnologie.

Il post è stato pubblicato sulla piattaforma Medium, a cui rimandiamo per la lettura integrale.

**********

Il prestigioso Istituto nazionale “Dati Aperti” ha recentemente consigliato al nostro governo di invitare i giganti privati delle cartografie digitali (ad es. Google, Apple e Uber) a condividere con le autorità pubbliche le loro banche dati, affinché contribuiscano insieme allo sviluppo di tecnologie futuristiche, come le auto senza conducente e le consegne a domicilio tramite droni. Inoltre, lo stesso istituto ha invitato il governo ad aprire completamente i dati riguardanti l’Osservazione della Terra raccolti e gestiti da organizzazioni del settore pubblico, per far sì che chiunque possa accedervi e condividerli.

Nel rapporto (L’infrastruttura dei dati geospaziali del Nostro Paese: sfide e opportunità ) pubblicato in questo scorcio di fine 2018, l’Istituto Dati Aperti, IDA, ha formulato questa raccomandazione: “Le agenzie cartografiche nazionali e altri enti pubblici dovrebbero reagire al ruolo sempre più pervasivo svolto nel campo dell’acquisizione, aggregazione e gestione dei dati geospaziali dalle multinazionali della net economy”. Secondo IDA, essi raccolgono ormai dati geospaziali “rapidamente e su larga scala”, anche se spesso sono considerati dagli ambienti istituzionali come “dati accaparrati”.

Link per proseguire la lettura del post

RELATED ARTICLES

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Most Popular

Recent Comments