mercoledì, Ottobre 20, 2021
HomeNotizieOpinioniL'intelligenza collettiva per gestire i grossi sistemi sociali e la globalizzazione. Il...

L’intelligenza collettiva per gestire i grossi sistemi sociali e la globalizzazione. Il Formez c’è!

digitale

Gestire la complessità : Markku Markkula, Presidente della Commissione Europea delle Regioni, ha elaborato un’idea di sintesi per la governance.
L’idea veramente non è nuova: “La saggezza viene dal popolo”. L’intelligenza collettiva per gestire i grossi sistemi sociali e la globalizzazione. Il Formez lo fa già da tempo

I sistemi aperti di innovazione hanno fornito alle organizzazioni un accesso senza precedenti. La “saggezza della folla” ha avuto il permesso di raccogliere soluzioni per i problemi che preoccupano – potenzialmente migliaia di persone – e a costi molto bassi. Questi sistemi, tuttavia, devono affrontare sfide importanti derivanti, per ironia della sorte, da loro eccessivo successo: possono suscitare tali alti livelli di partecipazione che diventa molto difficile da guidare il pubblico in modo produttivo a scegliere il meglio di quello che hanno creato.

CATALYST ed i suoi partner hanno avviato un esperimento di ricerca sull’Intelligenza Collettiva sulla base dell’esperienza di ciascuno degli associati.
Un articolo scientifico sui sistemi di innovazione aperti è stato scritto da Mark Klein (MIT / Università di Zurigo, partner del consorzio di catalizzatore) e Gregorio Convertino ed è stato pubblicato 12 marzo 2015, nel numero speciale del Journal of Social Media per le Organizzazioni, Volume 1, numero 2, dedicato alla ideazione su larga scala dei dati aperti e loro deliberazione.
I sistemi aperti di innovazione sono direttamente legati alla intelligenza collettiva in quanto consentono la raccolta e la partecipazione di migliaia di individui e fonti. Se l’accesso alla intelligenza collettiva può essere un reale vantaggio, può anche essere difficile canalizzare un così alto livello di partecipazione e per ottenere il miglior risultato possibile di crowd-pensiero. L’articolo prosegue attraverso le principali sfide che i sistemi di innovazione aperta affrontano e fornisce risposte sui modi in cui la comunità di ricerca è in grado di andare avanti su questo importante argomento. Strutture semi-formalizzate, micro-attività, attenzione alla mediazione, ecc, tutti questi concetti sono soluzioni come il filtraggio delle idee, la valutazione delle stesse o addirittura la copertura comprensione.

Cosa sono i sistemi di Open Innovation?

“Non importa chi sei, la maggior parte delle persone più intelligenti lavorano per qualcun altro”Sun Microsystems co-fondatore Bill Joy (Lakhani e Panetta, 2007)

Durante la seconda guerra mondiale, il modello dominante per l’innovazione in molte grandi organizzazioni, soprattutto nel settore privato, era chiuso in almeno due modi (Chesbrough, 2003). In primo luogo, escludendo fonti esterne alle organizzazioni; un “fare tutto da soli” modello (Chesbrough, Vanhaverbeke, e West, 2008). In secondo luogo, anche l’innovazione all’interno dell’organizzazione era relegata a un numero limitato di ruoli anche per i responsabili di innovazione e trasferimento tecnologico. Questo modello escludeva la maggior parte dei dipendenti, così come i clienti, i partner e gli altri soggetti interessati nell’organizzazione, che restavano una risorsa non sfruttata.
Nel 2004, per esempio, i dipendenti di R & S hanno rappresentato il 3,8% del totale dei dipendenti negli Stati Uniti, il che ha implicato che il 96% dei dipendenti non erano impegnati in innovazione per l’organizzazione.

L’innovazione aperta, systems1, ha rappresentano un approccio emergente promettente per affrontare questa importante limitazione. In tali sistemi, un cliente (ad esempio, un dirigente di una società o di un leader in un ente pubblico), descrive un problema che vuole risolvere (ad esempio, “vogliamo idee per nuovi prodotti beverage”) e fornisce uno strumento online che permette potenzialmente a migliaia di persone di presentare soluzioni e critiche, anche alle proposte altrui. In alcuni casi, questi sistemi incorniciano l’impegno come una gara, dove le idee vincenti ricevono un premio, finanziario o altro. Essi consentono quindi ad un’organizzazione, di estendere le fonti di innovazione a costi molto bassi e di includere una selezione molto più ampia dei propri dipendenti, oltre che clienti e fornitori. I sistemi aperti di innovazione sono diversi dalle tecnologie di groupware correlate, come il brainstorming (Paulus & Nijstad, 2003), o l’argomentazione (Klein, 2007; Moor & Aakhus, 2006) e le decisioni di gruppo supportano i sistemi lungo le dimensioni critiche di scala degli utenti e stakeholder, e questo è lo scopo del sistema. I sistemi groupware sono finalizzate a consentire la collaborazione e la soluzione dei problemi con i gruppi di piccole e medie dimensioni (cioè, in cui il numero dei membri in genere varia da 3 a 30 persone), mentre i sistemi di innovazione aperti sono finalizzate a consentire l’innovazione attraverso la massa (ad esempio, tipicamente, nell’ordine di migliaia di partecipanti). I sistemi aperti di innovazione risultano una scala ingrandita di utenti e un obiettivo più circoscritto di criticità.
Questo è un buon uso dei dati aperti. Si potrebbe obiettare un profilo di sfruttamento di massa ma lì dove c’è partecipazione lo sfruttamento diventa un ritorno d’interesse da e per la massa e quindi diventa utilità.

La ricerca delle alleanze, poi, fa la parte del leone nel sistema dei dati aperti, consentendo quella collaborazione che fino ad oggi è sempre stata faticosa e dispendiosa. La trasparenza fa il resto …

Quindi il sistema dei dati aperti crea la struttura e la cultura alla partecipazione e sembra essere la migliore cura alla frammentazione dei tempi ed alla globalizzazione senza controllo, consentendo analisi e sintesi che risulterebbero altrimenti difficilmente raggiungibili.

E’ la filosofia di cui si fa portavoce anche il Presidente della Commissione Europea per le Regioni (CoR), ViceDirettore dell’Open Innovation Strategy and Policy Group (OISPG).

Le Regioni d’Europa potrebbero creare grossi problemi alla governance con le loro diversità e il sistema dei dati aperti crea soluzioni per la gestione.

Quando si verifica un blocco sociale di grosse dimensioni, l’unica è ‘Aprire’ alle idee. Anche il governo italiano applica da tempo questa schematicità con le consultazioni pubbliche attraverso il sito del Formez ← link al sito

RELATED ARTICLES

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Most Popular

Recent Comments