Poiché sembra che alcuni gdl della Cabina di regia per l’Agenda Digitale Italiana non faranno una consultazione/audizione, abbiamo pensato di inserire comunque nell’ideario della discussione pubblica dell’ADI alcune delle principali proposte raccolte nell’ebook “Metti in agenda il futuro del Paese”. L’invito è, se siete d’accordo con le proposte, di votarle. Numerosi. Facciamoci sentire.

Le proposte inserite sono (si è seguita la logica dell’ideario e quindi non si sono duplicate idee e proposte già presenti):

  1. un piano per il rilancio del settore ICT (e-commerce);
  2. un procurement che favorisca l’innovazione (e-government e open data);
  3. un tavolo per la promozione degli open data (e-government e open data);
  4. una “carta dei diritti della cittadinanza digitale” (e-government e open data);
  5. implementare l’agenda digitale locale (smart cities & communities);
  6. istituire le conferenze dei servizi digitali (smart cities & communities);
  7. un piano regolatore dell’innovazione e della connettività (smart cities & communities);
  8. realizzare una rete delle biblioteche (competenze digitali);
  9. una programmazione della RAI per il digitale (competenze digitali);
  10. un piano per l’inclusione (competenze digitali);
  11. una rete delle conoscenze (competenze digitali);
  12. realizzazione di punti di accesso pubblici alla rete (competenze digitali);
  13. un programma nazionale per le competenze digitali (competenze digitali);
  14. accesso alla rete in banda larga come servizio universale (infrastrutture e sicurezza).

Articolo precedenteUltimi due giorni per visitare la Mostra dell’Artigianato
Articolo successivoWebFest: Un’Italia che lavora, sogna e vive nel web.