Adesso che lo Statuto è stato approvato, l’Agenzia per l’Italia Digitale entra in piena operatività. Tra le prime incombenze, quella di avviare le attività sul capitolo delle “comunità intelligenti”, con diversi punti ancora da chiarire ed elevati rischi di fallimento.

Smart City, Smart Community e Comunità Intelligenti

Con l’approvazione dello Statuto possono essere avviate le attività di impostazione in carico all’Agenzia per l’Italia Digitale. Tra queste una delle più strategiche e più controverse è quella relativa alle “Comunità Intelligenti” (a cui è dedicato l’art.20 della legge “sull’Agenda Digitale”).

continua a leggere su Pionero.it


Articolo precedenteCostruiamo insieme l’Agenda Digitale Umbra
Articolo successivoAgenda Digitale Europea accoglie la sfida del genere. Una proposta per Agenzia Italia Digitale