mercoledì, Ottobre 20, 2021
HomeNotizieRassegna stampaIl Web? Sparito dai programmi

Il Web? Sparito dai programmi

Nessuna delle liste in corsa per le elezioni ha messo tra le sue priorità la diffusione e la libertà della Rete. E dove la questione compare, sono solo accenni ‘di cortesia’ (Monti) o idee vecchiotte (M5S)

C’è una cosa che farebbe risparmiare 19 miliardi allo Stato in tre anni e 4,6 miliardi alle famiglie ogni anno, eppure è trascurata dai programmi politici dei partiti che si presenteranno alle prossime elezioni.

E’ l’Agenda digitale, quell’insieme di norme e misure che permetterebbero all’Italia di diventare un Paese in linea con l’Europa, quanto a innovazione delle imprese, della pubblica amministrazione e delle abitudini delle famiglie.

A dicembre il Parlamento ha convertito in legge il decreto Crescita 2.0, il primo mattone per l’Agenda digitale italiana, ma la costruzione è ancora debole, incompleta e richiederà il forte appoggio del prossimo governo per realizzarsi. Ma se il buon giorno si vede dal mattino, c’è da preoccuparsi: «i programmi dei partiti sono lacunosi o, nei casi migliori, generici e poco aggiornati sul fronte delle misure per il digitale», dice Giuseppe Iacono, fondatore dell’associazione Stati Generali dell’Innovazione.

Continua a leggere l’articolo su l’Espresso.

Leggi la Carta d’Intenti per l’Innovazione.

RELATED ARTICLES

1 commento

  1. Perchè stupirsi di questo fatto.
    Riflettiamoci bene, il WEB fa paura perchè è un mezzo rapido di comunicazione, di controllo delle azioni e delle maleazioni, perchè non dimentica …ha una coda lunga.
    Verba volant dicevano gli antichi e pensano i nostri reggitori,che no vogliono che “scripta manent” soprattutto quello che è scritto sull’impalpabile tela di ragno, il WEB appunto, che ci circonda e cui tutti possono facilmente accedere.
    Forse tramite il WEB, che comunque e malgrado tutto esiste, bisognerebbe cominciare a fare una Campagna elettorale PRO e, soprattutto CONTRO, chi il WEB non usa o usa male. Bene la prima lista bypartisan dei candidati che del WEB sono fautori…..è vero che le preferenze non esistono, ma una diffusione dei nomi PRO può far guadagnare qualche voto e forse convincere qualcuno che si asterrebbe e la conoscenza dei nomi CONTRO può segnare qualche perdita.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Most Popular

Recent Comments