“48h per ideare, sviluppare, e creare soluzioni, application. Hands on!”

Il terremoto che ha colpito l’Emilia è l’ennesima conferma che l’imprevedibilità dei disastri si scontra oggi con la volontà di ricostruire propria non del singolo ma della comunità. Tanti sono infatti i volontari, gli aiuti e la partecipazione dimostrata da tutti i cittadini.

Anche l’idea di “protezione civica” di wikitalia, http://www.wikitalia.it/2012/06/protezione-civica-ripartire-tutti-insieme/ ne è un esempio.

Hackathon Terremoto si propone di dare un luogo e un orario a sviluppatori, designer, e più in generale a chiunque abbia voglia di dare una mano con il fine ultimo di creare soluzioni tangibili, application, a supporto di reali e contingenti esigenze della gente di Mirandola, Finale, e dell’Emilia-Romagna in generale, terra che continua a tremare. Con una semplice app potremmo supportare la rilevazione dei danni subiti dagli edifici e la loro agibilità, lo smistamento degli aiuti per protezione civile, la segnalazione materiale in stoccaggio per aziende colpite dal terremoto… e in un’ottica di totale (e necessaria?) trasparenza, potremmo pensare a un app per il monitoraggio in tempo reale dello stato dei lavori e della documentazione dei soldi spesi.

Sarà davvero utile? Dipende solo da noi, da quanti saremo e da quanto saremo bravi. Partecipa anche tu il 16 e il 17 giugno a Bologna: http://www.facebook.com/events/370347889692248/