Fulvio Ananasso e Domenico Natale nell’articolo pubblicato su key4biz ci parlano di Demografia, tracciamento e piattaforme “data driven” per il contrasto alle pandemie.

“La pandemia attuale ha risvegliato l’attenzione verso la Demografia”, che riveste un ruolo fondamentale nelle emergenze epidemiche, sia di contrasto alla diffusione sia come ausilio al tracciamento dei contagi. Come spiegano gli autori: “La gestione delle epidemie richiede “cruscotti” informativi rappresentativi della situazione demografica territoriale, basati su dati aperti, affidabili, continuamente aggiornati, geo-referenziati e organizzati “telescopicamente” dal livello comunale a quelli provinciale, regionale e nazionale (e auspicabilmente europeo), con granularità a piacere. Come suggerito in un articolo precedente, si ribadisce di valutare la possibilità di monitoraggio geo-referenziato di focolai, con soluzioni digitali avanzate (GPS-based) che possano identificare tempestivamente in modo anonimo i luoghi a rischio, più che i singoli contagi. In ogni caso, l’eventuale impiego di soluzioni di Intelligenza Artificiale, pur essendo in grado di elaborare molti più dati fornendo efficaci sistemi di supporto alle decisioni (DSS) umane, potrebbe richiedere un approccio “human-in(on)-the-loop” per la garanzia di controllo “etico” finale di specialisti umani rispetto a potenziali “bias” algoritmici e/o dei dati.

Leggi QUI l’articolo completo.


Articolo precedenteSeminario “Roma Capitale nell’economia del Paese e il PNRR” del 13 luglio 2021
Articolo successivoAccetta la sfida: partecipa all’EPALE Social Hackathon!