CyberSecurity

La cybersecurity è un tema che sta assumendo sempre maggiore rilievo, in un’epoca in cui l’esigenza di controllo delle reti informatiche per ragioni di sicurezza pubblica si incrocia con la necessità di gestire reti di comunicazione strategiche per lo sviluppo economico e l’offerta di servizi innovativi.

E così mentre non si parla d’altro che della necessità di modernizzare i sistemi di comunicazione sociale e relazionale tra utenti e fornitori di servizi, della necessità di ‘istruire’ la popolazione mondiale ai nuovi sistemi tecnologici informatici e del miglior modo per farlo, dall’altro lato nasce imponente l’esigenza, l’urgenza, l’opportunità e anche l’obbligatorietà di regolare le modalità di accesso a coloro che sono fin troppo consapevoli della portata storica dei cambiamenti imposti dalla così detta modernità
e che hanno tali e tante conoscenze da poter superare, addirittura travalicare, i sistemi di comunicazione digitale ed informatica.
Gli organi istituzionali, a livello locale e mondiale, interessati all’argomento, sue correlazioni e risvolti, sono numerosissimi.

Per questo Anitec, l’associazione confindustriale del settore Ict ed elettronica di consumo, assieme al Consiglio nazionale delle ricerche, a Cotec – Fondazione per l’innovazione tecnologica, con la collaborazione della Polizia di Stato ha organizzato una giornata di lavoro e confronto riservata alle imprese dell’Ict e delle telecomunicazioni.
L’appuntamento si è tenuto il 13 gennaio a Roma, presso la sede del Cnr.
Tra gli alti oratori : Cristiano Radaelli, presidente di Anitec, Luigi Nicolais, presidente Cnr e Alessandro Pansa, prefetto, capo della Polizia, direttore generale della pubblica sicurezza.

Tantissimi sono stati i nodi emersi, tra cui l’esigenza di poter controllare le reti di comunicazione dai cyberattacchi, e a fini di sicurezza in generale, senza violare la privacy e la natura libera del web; la crittografia per la cybersecurity, la sicurezza dei dispositivi mobili e dei sistemi di cloud computing, i big data e la condivisione delle informazioni nel rispetto della privacy anche nel più ampio quadro degli aspetti di informatica forense; la sicurezza dei software e la gestione del rischio e della sicurezza dei sistemi, il legame fra antispionaggio industriale e strategie antiterrorismo; l’impatto su cloud e big data.
Comune denominatore e punto di partenza: l’importanza di rafforzare il rapporto tra l’industria, le istituzioni ed il mondo della ricerca

Per Cristiano Radaelli le informazioni, assieme al capitale umano, sono il patrimonio principale di imprese ed organizzazioni – ha detto il Presidente dell’Anitec, proseguendo: “Per questo la loro gestione e la loro sicurezza rappresentano una priorità che, nell’era dell’Internet of everything, si traduce nell’esigenza di valorizzare sempre più figure professionali come data scientist, chief technology officer, sviluppatori mobili, big data architect. A livello europeo, le professioni Ict sono date in crescita del 27%. Il mercato della sicurezza informatica, in particolare, è fiorente ed è destinato a crescere da 75 miliardi di dollari di valore generato nel 2015 a 170 nel 2020.
Più di 209.000 posti di lavoro nel campo della sicurezza informatica negli Stati Uniti sono attualmente vacanti e si prevede che la domanda mondiale sarà di 6 milioni entro il 2019, con un deficit previsto di 1,5 milioni. Per questo, l’emergere dirompente del tema della cybersecurity rende ancora più evidente questo scenario
”.

Per governare questo sviluppo e creare valore nel nostro Paese – ha concluso Radaelliè necessaria la collaborazione tra imprese, centri di ricerca e forze dell’ordine. Il nostro Paese ha le competenze e le risorse per svolgere un ruolo importante per la difesa interna ed anche per fornire tecnologie e applicazioni ai Paesi e alle organizzazioni amiche. L’avvio della collaborazione tra Anitec, Cnr, Cotec e Polizia di Stato è una tappa importante in questa direzione”.

Il Presidente del Cnr Luigi Nicolais ha centrato la sua relazione sull’importante problema della sicurezza: “Il tema della cybersicurezza, fino a pochi anni fa argomento prossimo alla fantascienza, oggi è uno degli asset strategici in ogni organizzazione su cui si concentrano investimenti in infrastrutture tecnologiche, sviluppo di competenze, definizione di profili professionali. È un settore in continua evoluzione destinato a crescere esponenzialmente e che pone intriganti sfide culturali e politiche. Mentre nei settori produttivi gli ambiti di intervento sono abbastanza definiti soprattutto laddove si opera in funzione di un obiettivo ben definito e circoscritto, la cybersicurezza sociale tocca ambiti molto più ampi, delicati e problematici perché investe la sfera dei diritti del singolo. È quindi opportuno che su questi temi non ci siano deleghe in bianco, ma che tutti, soprattutto se preposti ad assumere decisioni collettive, siano parte attiva

Il capo della Polizia, direttore generale della pubblica sicurezza, prefetto Alessandro Pansa ha dichiarato: “la complessità della tematica della cybersecurity impone oggi un inevitabile sforzo sinergico per soddisfare la quotidiana esigenza di sicurezza informatica. Per questo motivo la Polizia di Stato ha avviato una serie di collaborazioni per creare una rete di partneship, mettendo altresì a disposizione la propria competenza esclusiva del Centro nazionale anticrimine informatico per la protezione delle infrastrutture critiche (C.N.A.I.P.C.), quale organo di eccellenza per la fornitura dei servizi di sicurezza”.

A partecipare all’iniziativa i rappresentanti di Accenture, Adb, Ads, Alenia Aermacchi, AlmavivA, Centro Fiat, Cisco, Cliocom, Comdata, Crf, Enac, Enel, Ericcson, Eustema, Facilitylife, Fastweb. Finmeccanica, H3G, Hewlett Packard Enterprise, Ids, Italtel, Microsoft, Nokia, Selex-es, Selta, Sitael, SmOptics, System Management Srl, Telecom, Thales Alenia Space, Università di Modena e Reggio Emilia, Vitrociset, Vodafone, Welcome Italia spa.

Infine non tralascio qualche riferimento alle news del giorno relative al tema trattato e che sembrano di certa importanza, perchè quello della sicurezza informatica, purtroppo, è un fatto tremendamente serio che va gestito con la opportuna serietà, per questo i Governi devono interessarsene e se ne interessano sempre più :

Gli esperti della cyber security scrivono a Renzi: “Per la nomina del responsabile consideri i meriti” Una lettera aperta sul “caso Carrai” firmata da esponenti del settore

Cybersecurity, il Governo è a metà del guado: ecco cosa manca