Mapping party ad Acqui Terme

L'incontro in-formativo, nato per iniziativa del gruppo piemontese di Stati Generali dell’Innovazione e di OpenGeoData School di Monastero Bormida, sarà realizzato con la collaborazione del Comune di Acqui Terme.

0
271
mapping party Acqui Terme

Ad Acqui Terme (AL) si terrà il primo Mapping Party per esplorare l’ex area produttiva “Lama Italia – Coltelleria Kaimano”. Venerdì 29 settembre 2017, dalle 14,30 alle 19,30, presso la Biblioteca civica “La fabbrica dei libri”, in piazza Maggiorino Ferraris 5, si incontreranno le persone interessate a raccogliere informazioni e mappare su OpenStreetMap i punti di interesse circostanti.

Il sopralluogo dell’area produttiva sarà arricchito con l’aiuto delle testimonianze dei cittadini acquesi, di tecnici comunali e di esperti mappatori. Ai partecipanti al mapping party non è richiesta alcuna precedente esperienza di mappatura. Per apportare le modifiche e arricchire il database della mappa si potranno utilizzare i propri smartphone e i computer portatili. Sul momento saranno fornite le opportune applicazioni gratuite disponibili per il sistema adoperato. I posti sono limitati e per facilitare l’organizzazione delle postazioni è richiesta la conferma al seguente indirizzo web: http://bit.ly/AcquiTmappingParty

Il Mapping party è l’evento di esplorazione e mappatura ed è aperto a tutti, acquesi doc e visitatori, professionisti, studenti, semplici curiosi, esploratori, “smanettoni tecnologici” e soprattutto a chi è alle prime armi e ha voglia di imparare e mettersi alla prova divertendosi. Per creare tutti insieme una mappa libera della città di Acqui Terme, partendo da uno degli edifici simbolo del suo passato operoso e produttivo, l’ex Coltelleria Kaimano, sarà utilizzata la mappa libera e accessibile “OpenStreetMap”, gli smartphones e i pc personali, ma soprattutto curiosità e voglia di scoprire la storia di una zona di Acqui Terme, dove magari si passa tutti i giorni.
Questo primo incontro di mapping party è finalizzato alla divulgazione delle competenze nell’uso delle nuove tecnologie, utili anche a far rivivere le aree produttive e a regalare alla città di Acqui Terme un “cartello parlante” che illustrerà com’era l’area di “Lama Italia – Coltelleria Kaimano”, cosa ha rappresentato per la città e cosa potrebbe di nuovo essere.

Chi vorrà approfondire la creazione e il riuso dei geodati per la promozione del territorio attraverso le mappe esperienziali si segnala che le iscrizioni all’OpenGeoData School 2017 sono aperte fino a 2 ottobre.

Vi aspettiamo, curiosi!