[29 maggio - Forum PA] Open Data: un cantiere aperto – POSTER SESSION

Verso l’Open Data Day 2014

Promosso da Stati Generali dell’Innovazione e Regesta.exe. Il primo Open data day italiano, che ha coinvolto tutta la comunità open data italiana, si è svolto il 23 febbraio scorso in 12 città. Ecco qualche numero dall’evento hub, promosso da  Stati Generali dell’Innovazione e da regesta.exe, che si è tenuto a Roma: 280 iscritti, 35 relatori, 1772 tweets, 6 ore di diretta streaming.

FORUMPA_13L’evento – all’interno della terza edizione dell’International Open Data Day – ha raccolto i risultati delle attività svolte da diversi gruppi di lavoro sul tema open data a cui hanno partecipato ricercatori, enti pubblici e aziende private che operano nel settore. Naturalmente, la prima tappa di un percorso che prosegue.

La Poster session a FORUM PA 2013 sarà l’occasione per confrontarsi, rilanciare le questioni aperte e darsi un nuovo piano di lavoro per i prossimi mesi.

continua a leggere e iscriviti gratuitamente all’evento su Forum PA>>

#memoriaXIX Teatri della memoria. Una mappa delle esperienze urbane nel XIX Municipio di Roma

FLYER aprile teatri_della_memoria

Dopo la prima sessione di gennaio ritorna Teatri della Memoria, il progetto di Urban Experience che coniuga le memorie orali con i linguaggi multimediali, per sollecitare         un’ esperienza di esplorazione nel territorio del XIX Municipio del Comune di Roma, a Balduina, Monte Mario e Ottavia.

Attraverso una mappa web i più giovani (dai bambini delle elementari ai ragazzi dei licei) seguiranno i percorsi narrati dai più anziani, promuovendo così uno scambio inter-generazionale, per fare delle passeggiate (walk show) con radio-cuffie e smartphone, rilevando il genius loci narrato da chi vi ha tracciato esperienza, come nei percorsi tra le “memorie rurali” dell’Agro Romano di Casal del Marmo.
Alcuni di questi walk show vedranno la partecipazione di studenti della Facoltà di Architettura- Sapienza Università di Roma, cattedra del prof. Antonino Saggio, per osservare dal Parco di Monte Mario il corso del fiume e trattare dei progetti UrbanVoids e Tevere Cavo.

Un Talk Lab, a cui parteciperanno anche gli studenti del Corso di Progettazione Scenica-Sapienza Università di Roma con il prof Luca Ruzza, concluderà il progetto su temi quali: rigenerazione urbana, smart city, innovazione sociale e performing media.

Il vero viaggio non consiste tanto nello scoprire nuovi luoghi, quanto nella capacità di guardare  con occhi diversi. (Marcel Proust)

Ilreport sulla prima sessione del progetto,  link a rassegna stampa e l’evento facebook.

Teatri della memoria è un progetto di Urban Experience realizzato con il sostegno di Roma Capitale-Assessorato alle Politiche Culturali e la collaborazione del XIX Municipio di Roma.
Si ringrazia: Federculture, Altre Vie, Centro Anziani Monte Mario, Centro Anziani Balduina, Stati Generali dell’Innovazione, Foodgallery-Comunanze.net, Quiet Ensemble

Per informazioni: info@urbanexperience.it,www.urbanexperience.it 3397048897
facebook: urban experience, twitter:#memoriaXIX

 

[13 aprile 2013] Varese, Governare con… senso

13 aprile 2013
Centro Congressi Brambilla
Via Brambilla 15, Varese

Governare con senso

La nuova frontiera della democrazia è rappresentata dalla costruzione di forme innovative di cittadinanza attiva che favoriscano la partecipazione diretta dei cittadini ai processi decisionali relativi alle politiche pubbliche.

Esperti di Comunicazione, Politici e Giornalisti si confrontano sugli scenari futuri della rappresentanza politica e della Pubblica Amministrazione e sulle Opportunità offerte dagli strumenti di E-Government, E-Democracy e di E- Partecipation.

Programma : http://bit.ly/16yD6Aj

Info:

diretta streaming su:

Hashtag per partecipare: #governareconsenso

 

 

E’ sul territorio che va trovata la misura per declinare il valore dell’innovazione

Il nostro Paese è sull’orlo di una crisi di nervi. Un sistema obsoleto rischia di collassare, prima di tutto perchè non basta parlare di cambiamento come se fosse un mantra ma occorre quell’innovazione di processo che rilanci il valore fondante della politica intesa come governance strategica della cosa pubblica, interpretando le migliori risorse creative in campo. Serve coraggio e idee innestate sia nel tessuto sociale sia in quella potenzialità d’impresa che va messa in rete perchè possa reggere l’impatto con una competività verso cui sono impreparate.

E’ sul territorio che va trovata la misura per declinare il valore dell’innovazione, valorizzando la partecipazione attiva, la creatività sociale e quell’eccellenza artigiana e agro-alimentare che esprime la migliore chance per l’Italia. Ottima mossa quella della Regione Umbria nel lanciare un “ideario” che raccoglie proposte per innescare processi creativi e connettivi per sollecitare chi esercita la governance a fare un salto di qualità. Non è solo un gesto politicamente corretto rivolto alla partecipazione ma un buon metodo per procedere verso l’innovazione sostanziale della politica pubblica.

Il momento dove valutare ciò che emerso è #umbriadigitale,  la due giorni di presentazioni e open talk (curati da Stati Generali dell’Inniovazione) che si svolgeranno a Perugia, il 15-16 aprile, per raccontare  lo stato di avanzamento delle iniziative contestualizzate nell’ambiente socio-economico regionale dell’Umbria.

continua a leggere su tiscali:socialnews