Archivio dell'autore: Redazione

La società civile va alle elezioni

Oggi ho il piacere di ospitare Marco Binotto, professore aggregato all’Università La Sapienza di Roma.

Il tema è quello attualissimo del ruolo della società civile, e in particolare del Terzo Settore, alle prossime elezioni politiche. Con alcuni colleghi, il professore propone una call a un’interessante ricerca e un primo elenco di casi eccellenti. L’appello è pubblico e d’interesse per tutti la più ampia partecipazione.

L’invito e il rinvio per l’approfondimento politico è al tag ELEZIONI 2013 di Vita. Buona lettura.

continua a leggere l’articolo su Non Profit Blog

Newsletter di gennaio 2013

Editoriale “Una Carta d’Intenti per i candidati che vogliono davvero innovare” – L’appuntamento fondamentale del 4 febbraio al CNR di Roma per il reale avvio di una politica strategica dell’Innovazione

I provvedimenti in tema di Agenda Digitale approvati a dicembre, anche grazie agli emendamenti proposti dall’Associazione sulla base di un lavoro collaborativo online e con riunioni, hanno rappresentato degli importanti passi in avanti. Continua però a mancare un piano strategico organico e diversi capitoli fondamentali (come commercio elettronico, alfabetizzazione digitale) sono ancora da affrontare in modo significativo. Molto è ancora da fare, e questa legislatura sarà davvero decisiva.
Per questa ragione l’Associazione Stati Generali dell’Innovazione ha promosso una Carta d’Intenti per l’Innovazione dell’Italia, come indicazione delle priorità programmatiche per le politiche dell’innovazione sulle quali pensiamo che la prossima legislatura debba operare.

Chiediamo a tutti (cittadini, organizzazioni) di collaborare a migliorare sul wiki dell’Associazione la Carta d’Intenti che abbiamo predisposto (nel foglio Discussione) , in vista del Convegno Nazionale che si svolgerà a Roma il 4 febbraio e durante il quale sarà chiesto ai candidati delle diverse forze politiche di firmare la Carta e impegnarsi a sostenerla.
Un appuntamento da non mancare. Importante registrarsi al più presto! Continua a leggere

Una Carta d’Intenti Dagli Stati Generali dell’Innovazione per i candidati che vogliono davvero innovare

Le proposte della società civile per il reale avvio di una politica strategica dell’Innovazione.

L’Associazione Stati Generali dell’Innovazione promuove una Carta d’Intenti per l’Innovazione dell’Italia, come indicazione delle priorità programmatiche per le politiche dell’innovazione sulle quali si chiede l’impegno di chi si candida al Governo del Paese.

continua a leggere l’articolo su #assodigitale.it

Una Carta d’Intenti per l’Innovazione dell’Italia

Come Associazione Stati Generali dell’Innovazione abbiamo intrapreso diverse iniziative sia per supportare l’elaborazione di un piano strategico per l’innovazione sia per portare in evidenza e connettere le tante esperienze di valore che si stanno realizzando sul territorio, partendo dal presupposto che è “dall’ambito operativo di chi fa innovazione” che si deve avviare un processo di partecipazione globale di tutti i portatori di interesse (politica, amministrazioni, imprese, università, centri di ricerca, terzo settore, privati cittadini), finalizzato alla costruzione di una prospettiva condivisa per l’Italia sia per un cambio effettivo nella politica dell’innovazione.

I provvedimenti in tema di Agenda Digitale approvati nella legislatura hanno rappresentato degli importanti passi in avanti, ma continua a mancare un piano strategico organico e diversi capitoli fondamentali (come commercio elettronico, alfabetizzazione digitale) sono ancora da affrontare in modo significativo. Molto è ancora da fare.

Abbiamo pensato così di promuovere una Carta d’Intenti per l’Innovazione dell’Italia, come l’indicazione delle priorità programmatiche per le politiche dell’innovazione sulle quali si chiede l’impegno di chi si candida al Governo del Paese.

Chiediamo a tutti (cittadini, organizzazioni) di collaborare a migliorare sul wiki la Carta d’Intenti che abbiamo predisposto, in vista del Convegno che si svolgerà a Roma il 4 febbraio (segnate in agenda questa data) e durante il quale chiederemo ai candidati delle diverse forze politiche di firmare la Carta e impegnarsi a realizzarla.